Venerdì 23 Agosto 2019

Acquario

"Banda Larga"

Essere piccoli, artigianali, comparire ma non apparire, avere un sogno e perseguirlo ma non “ragionare per obiettivi”, essere trasversali ma non obliqui, non volere barriere né catalogazioni senza essere tuttologi, universali senza pretendere tutto e di piacere a tutti, ad ogni costo, strizzando l’occhio a prescindere dalla propria fisionomia… E’ nata una casa editrice, è nato un progetto, soprattutto si sono radunate un gruppo di persone - per scelta, attrazione, valenze comuni – definitelo come vi pare. Un progetto che si chiama Acquario (acquariolibri.it) del quale sono molto orgoglioso di fare parte. E’ nato un primo librino, che raduna idee, accenni, intenzioni in forma di introduzione e di alcuni saggi. Fra questi “Un incontro – Laura Archera ed Aldous Huxley”:
 
Laura Archera Huxley chiude qualche istante gli occhi, adagiandosi allo schienale della poltrona. Pensa a quegli otto anni. “Gli anni migliori, il frutto più maturo” della vita di Aldous Huxley, nei quali visse accanto a lui. Si incontrarono, una prima volta, nel 1948, quando lei, a bordo di una vecchia auto soprannominata “Laurissima”, raggiunse la residenza montana dello scrittore per sottoporgli un soggetto cinematografico. Torinese, musicista, aveva lasciato l’Europa nell’imminenza del Secondo conflitto mondiale per fare, giovanissima, il suo debutto alla Carnegie Hall. Gli anni seguenti, oltre a suonare nelle principali orchestre sinfoniche, aveva prodotto film e si era interessata di psicologia, nutrizione ed equilibrio psicofisico. Interessi che, nel 1963, confluirono nel testo You are Not the Target e la vedranno impegnata, fino all’ultimo dei sui giorni, in progetti educativi e sociali. Sorride. La memoria fa tappa ad un momento indimenticabile. Una domenica di marzo del 1956. Attraversano assieme in auto il deserto verso Yuma, Arizona. La loro meta è qualcosa che, durante un viaggio fatto l’anno precedente, aveva colpito la curiosità dello scrittore. Appena arrivati, si guardano intorno in cerca d’un ristorante ed ecco, sulla destra, comparire quell’insolito posto. Una piccola costruzione recante una scritta a grandi lettere: Drive-in Wedding Chapel. Instant Marriage… (L’incontro con Laura Archera Huxley avvenne a Torino, nei primi Anni 90, in occasione della prima traduzione italiana dell’ultimo ciclo di conferenze tenuto dallo scrittore a Santa Barbara, presso l’Università della California, in due sessioni, da febbraio a maggio e da settembre a dicembre del 1959. Egli stesso intitolò quelle lezioni The Human Situation).




Acquario 9
 
L'azzardo 15
Il primo editore: Aldo Manunzio  
   
Il Re è Fuso 18
Velli macchiati, villi titillati  
Stefano Bartezzaghi  
   
Copertine 24
L'inversione di Gutenberg  
Marco Belpoliti  
   
Munari al quadrato, rosso e blu 28
Marco Belpoliti  
   
Editor, editore 33
Quante cose succedono nelle bozze  
Manuela La Ferla  
   
Fruttero&Lucentini 43
Scrivere a quattro mani  
   
Equivoci 47
Viaggio nelle bizzarrie dell'editoria e dei libri  
Francesco M. Cataluccio  
 
Sulla strada 77
Libri proibiti  
Giulia Vola  
   
Un incontro 83
Laura Archera e Aldous Huxley  
Roberto Carretta  
   
Tracce psichedeliche 92
Epifanie  
Edoardo Camurri  
   
Fuori dalle righe 96
L'editore Formìggini  
   
Il denaro 100
Lettere a Don Julio Einaudi, Hidalgo Editorial  
Gianni Rodari  
   
Soundtrack 111
   
Ghost track 113
   
 

Passando



di Roberto Carretta
e Sonia Bulco